L’ultima frontiera è la cosiddetta Transcranial Magnetic Stimulation (Tms), metodica che si basa sull'applicazione locale di un impulso magnetico della durata di un millisecondo in grado di interrompere gli attacchi sul nascere. Però vivere sano aiuta a sconfiggere l’emicrania.

Studiando i casi più disparati Lorenzo Pinessi, direttore della Clinica neurologica dell'università di Torino, ha scoperto che se è vero che l'emicrania fa ingrassare anche nel 30 per cento dei casi, sono circa 4 milioni gli italiani emicranici che nel contempo sono obesi o in sovrappeso.

Per il neurologo sotto accusa è l'insulinoresistenza, che è anticamera di diabete e obesità presente negli emicranici. Di conseguenza, “la terapia diventa anche una dieta adeguata, da accompagnare con un’attività moderata e regolare. Anche questo è in grado di ridurre l'insulinoresistenza, l'eccesso di peso, e così anche la frequenza e l’intensità dell' emicrania”. In quest’ottica la ricerca studia l’utilizzo di farmaci ipoglicemizzanti in grado di intervenire sulla resistenza all'insulina e sull'emicrania.

Forte anche la tollerazione tra emicrania e allergie. Secondo gli ultimi studi epidemiologici incidono non poco asma, rinite allergica ed eczema atopico. Non a caso gli esperti consigliano in questi casi anche cure con un farmaco immunomodulatore, come il montelukast , Per esempio, racconta Pinessi, “dopo essere stato testato su 269 pazienti, ha dimostrato di ridurre la frequenza e l’intensità delle crisi emicraniche”.

Correlazione anche tra sesso ed emicrania. Al riguardo il neurologo torinese spiega che “in alcuni uomini fare l'amore può scatenare una cefalea, con intensità proporzionale all'eccitazione, che culmina nell'orgasmo e può durare alcune ore. Il rischio aumenta se la relazione è trasgressiva e se si mangiano alcuni cibi: formaggi, cioccolata, vino e altri ritenuti afrodisiaci come crostacei e champagne.

In oltre il 50 per cento dei casi, colpisce uomini emicranici o affetti da cefalea da sforzo e gli ipertesi. Costoro, per fare sesso senza mal di testa devono evitare situazioni stressanti e stanchezza, usare con cautela farmaci che stimolano l' erezione e rinunciare prima del rapporto agli alimenti scatenanti”.