Le condizioni sanitarie
L'assistenza sanitaria e' abbastanza soddisfacente. Le cliniche private offrono, pero', servizi piu' affidabili. Prima di sottoporsi ad un intervento chirurgico, e' sempre meglio aspettare di rientrare in Italia.
In aumento i casi di Hand, Foot and Mouth Disease (HFM), una malattia che colpisce i bambini tra 0 e 10 anni e si trasmette per via aerea e oro- fecale. Puo' essere mortale perche' provoca danni al sistema nervoso e al cuore. Di conseguenza, prima di mettersi in viaggio con dei bambini, e' bene chiedere consiglio al proprio medico di fiducia.
Inoltre il pericolo Haze, il fenomeno d'inquinamento atmosferico che ha interessato la Malaysia nei mesi di agosto e novembre del '97, potrebbe comportare, qualora dovesse ripresentarsi in futuro, non pochi disagi a chi gia' soffre di disturbi respiratori e cardiocircolatori.
Le persone piu' a rischio sono i bambini, gli anziani e le donne incinte.
Il virus Nipah che fino a qualche mese ha fatto molte vittime, oggi non rappresenta piu' una minaccia.
In corso un'epidemia di dengue nello stato del sud della Malaysia e, piu' precisamente, nella capitale del Negeri Sembilan, Serembam.
Si raccomanda di scegliere con molta attenzione i luoghi di ristorazione per le scarse condizioni igieniche del paese.
Utilizzare repellenti anti-zanzare per non correre il rischio di essere punti dalle zanzare portatrici della degue o dell'encefalite giapponese (il cui vaccino non e' facilmente reperibile in Italia).
I rimpatri d'emergenza non presentano difficolta' tranne che in determinate zone (costa Est e Borneo) e durante la stagione delle piogge.

Vaccinazioni obbligatorie:

  • nessuna


Vaccinazioni consigliate:

  • malaria (in caso di viaggio nelle foreste del Borneo)
  • epatite B
  • encefalite giapponese
  • colera (in caso di visita nel Kelantan dove di recente c'e' stata un'epidemia)