Da Telethon oltre 27 milioni di euro per la ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare, il 9% in più rispetto all’anno passato. Di questi, 15 milioni sono destinati al supporto di programmi e progetti svolti in laboratori distribuiti sull’intero territorio nazionale. Con l’assegnazione dei fondi da parte della Commissione medico scientifica internazionale, che si è riunita a giugno, sono complessivamente 40 i progetti di ricerca finanziati quest’anno, per un totale di 101 laboratori di ricerca. Buona parte degli studi coinvolgono infatti più gruppi, a conferma di quanto la sinergia sia importante nel raggiungimento dei risultati. Cresce inoltre il network Telethon delle biobanche genetiche, risorse fondamentali per la ricerca e la diagnostica, che ad oggi conta 10 centri.

Gli altri 12 milioni sono stati invece destinati al sostegno dell’attività degli istituti fondati da Telethon: l’Istituto Telethon di genetica e medicina (Tigem) di Napoli, diretto da Andrea Ballabio, che conta 161 persone; l’Istituto San Raffaele-Telethon per la terapia genica (Hsr-Tiget) di Milano, diretto da Luigi Naldini, in cui lavorano 120 persone; il programma carriere Telethon Dulbecco (Dti), attivo attualmente in 20 laboratori in Italia con 112 ricercatori. A questi si aggiunge Tecnothon, il laboratorio di ricerca tecnologica di Sarcedo (VI), dedicato all’ideazione e allo sviluppo di prototipi di oggetti in grado di migliorare la qualità della vita di persone disabili.

I brillanti risultati dell’anno sono stati annunciati dal presidente della Fondazione Luca di Montezemolo nel corso dell’evento “Merito loro: le persone che fanno… Telethon”, organizzato presso la Galleria civica d’arte moderna e contemporanea di Torino. Nell’anno del volontariato, l’incontro ha rappresentato un’occasione per riunire quelle persone che, in vari modi, si adoperano gratuitamente per sostenere la ricerca sulle malattie genetiche: i malati e le associazioni, i volontari sul territorio, le imprese, ma anche i ricercatori che contribuiscono al processo di valutazione garantendo così qualità e meritocrazia nell’assegnazione dei fondi.

«Sono lieto di poter annunciare che quest’anno, nonostante la crisi, daremo più fondi alla ricerca - ha detto Montezemolo - e che per un numero crescente di malattie le terapie sono ormai in vista. Telethon è il fiore all’occhiello della ricerca italiana e la sua grande squadra, che unisce privati cittadini, aziende e associazioni, può ritenersi fiera dei risultati che sta ottenendo, a dimostrazione di come, anche in Italia, dove c’è un’organizzazione valida, meritocratica e trasparente, è possibile costruire quella Big Society di cui si parla molto in altri Paesi europei».

Per maggiori informazioni
Ufficio stampa Telethon:
Marco Piazza, mpiazza@telethon.it – 3492864824
Matteo Marchese, mmarchese@telethon.it – 3382638448
Studio Suitner: Marianna Carlini, segreteria@studiosuitnersrl.191.it – 011/8196450

La redazione di Farmacia.it non presta alcuna opera di lavoro redazionale sulla pubblicazione dei comunicati e declina ogni responsabilità per i contenuti in esso presenti; la redazione inoltre si riserva di cancellare comunicati stampa in contrasto con la propria linea editoriale