Firenze - Si chiama MilleGPG, il software di ultima generazione sviluppato da Genomedics e Millennium su indicazioni della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) per supportare i medici di famiglia nel Governo clinico delle Cure primarie. Lanciato ufficialmente da pochi mesi, è già stato scelto da un’ampia platea di generalisti che continua ad allargarsi giorno dopo giorno. E al SANIT 2011, ospitato al Palazzo dei Congressi di Roma-Eur dal 14 al 17 giugno, sono stati presentati i primi esempi applicativi dello strumento, il cui principale pregio è quello di offrire un vero e proprio “cruscotto informatico” orientato all’eccellenza professionale. “MilleGpg – sottolinea Claudio Cricelli, presidente della SIMG - servirà alla medicina generale di domani non soltanto per indirizzare la qualità delle cure ma anche per misurare questa qualità. Siamo alla vigilia di una rivoluzione che vedrà l’applicazione dei costi standard nel governo economico della Sanità, noi disponiamo già oggi di uno strumento che aiuta a identificare l’appropriatezza delle prestazioni in termini di risultati percepiti dai cittadini”.

“Il software – spiega Gerardo Medea, responsabile per la SIMG del progetto MilleGPG – offre un’ampia gamma di opportunità: il medico può fare audit, può svolgere ricerca clinica in tempo reale – attraverso il collegamento in rete con gli altri medici che usano lo strumento – può migliorare l’appropriatezza terapeutica con effetti positivi sulla sicurezza del paziente e sull’efficienza del sistema, infine può dialogare con gli amministratori sanitari in una nuova modalità di analisi dei comportamenti clinico-prescrittivi che certamente è più gradita ai generalisti rispetto ai vecchi report economici”. In sostanza, MilleGPG è lo strumento con cui i medici di famiglia possono finalmente prendere in mano la governance delle Cure primarie e dell’assistenza sul territorio.

“Le esperienze maturate finora – afferma Ovidio Brignoli, vicepresidente della SIMG - dimostrano che quando i singoli medici e i gruppi di medici effettuano una valutazione continua dei propri comportamenti rispetto agli indicatori forniti dalla letteratura internazionale si genera una spinta della professione al miglioramento: i pazienti vengono assistiti meglio, migliorano le scelte rispetto all’uso delle risorse diagnostico-terapeutiche, in sostanza migliora la qualità delle cure e il livello di impiego delle risorse”. In questo percorso verso l’eccellenza nella governance, medicina generale e MilleGPG possono avvalersi del sostegno di Teva Italia, produttore leader nel comparto dei farmaci generici. “La nostra azienda - sottolinea Marco Grespigna, Head of Business Unit retail di Teva - cerca da sempre di portare benefici ai sistemi sanitari attraverso la produzione di ‘off patent’, grazie ai quali si possono liberare risorse da destinare allo sviluppo di farmaci innovativi, che attualmente contribuiscono per il 30-40% al fatturato mondiale del gruppo”.

Ufficio stampa Intermedia
030.226105
intermedia@intermedianews.it

La redazione di Farmacia.it non presta alcuna opera di lavoro redazionale sulla pubblicazione dei comunicati e declina ogni responsabilità per i contenuti in esso presenti; la redazione inoltre si riserva di cancellare comunicati stampa in contrasto con la propria linea editoriale