Milano, 9 giugno 2011 – Un viaggio affascinante nel complesso mondo della ricerca scientifica. Una dottoressa, Marion De Caro, impegnata nella ricerca della molecola in grado di arrestare l’avanzata della Malattia di Alzheimer. Un tortuoso percorso affettivo e sentimentale che si intreccia con le vicende professionali della protagonista.

Sono gli ingredienti di Aspettando l’inverno, originale e coinvolgente romanzo a carattere scientifico-romantico, firmato da Franco Tugnoli e pubblicato per i tipi di Pendragon, che viene presentato oggi a Milano nello Spazio Eventi della Libreria Mondadori-Multicenter.

Grazie alla sua duplice competenza professionale di farmacista e giornalista, Franco Tugnoli, alla sua sesta opera letteraria, ci introduce in maniera convincente nel setting frenetico e futuristico dei Iaboratori internazionali di ricerca, istituti clinici e siti produttivi. Nel racconto, seguiamo l'affascinante dottoressa in un caleidoscopio di location raffinate ed esclusive in giro per il mondo; l'impegno per la ricerca scientifica della protagonista si alterna con le sue vicende personali: l’evoluzione non facile del rapporto conflittuale con suo figlio, giovane e talentuoso musicista, e l’irrompere di un nuovo, intenso sentimento d’amore le restituiscono il senso e l’importanza di riuscire a coniugare scienza e valori umani, troppo spesso repressi o inespressi.

Consapevole del dramma che l’Alzheimer rappresenta per tante persone arrivate alla soglia della vecchiaia, l’ultimo romanzo di Tugnoli esplora il mondo della scienza applicata alla salute e riflette sui frutti che l’inverno della nostra vita può regalarci, in termini di valori e sentimenti. Come sottolinea l’Autore, Franco Tugnoli, “Aspettando l’inverno vuole essere un inno alla missione della ricerca, che è essenza di vita e di progresso, in grado di esercitare un profondo impatto intimo e collettivo sui temi della salute e della partecipazione, ma che spesso impone prezzi importanti su affetti ed emozioni”.

La più diffusa tra le demenze, la Malattia di Alzheimer è purtroppo in espansione: in Italia sono oltre 600 mila le persone che ne subiscono le difficili conseguenze. A testimonianza
dell’impegno non solo letterario dell’Autore e della sua sensibilità alle problematiche sociali e ai risvolti esistenziali della malattia, i proventi della vendita del volume saranno devoluti all’AIMA, l’Associazione Italiana Malattia di Alzheimer. A tal proposito Patrizia Spadin, Presidente dell’Associazione, sottolinea che “Tugnoli ha fatto suo il nostro motto, 'non dimenticare chi dimentica', conquistato dal nostro lavoro, che ha potuto valutare come farmacista in precedenti campagne di sensibilizzazione e dal sostegno che AIMA offre alle famiglie delle persone colpite da Alzheimer. I malati di Alzheimer sono persone fragili, indifese, che non hanno voce per affermare i loro diritti: questa patologia riguarda dunque la comunità intera, che non può permettersi di ignorarla, dal momento che la memoria, la nostra storia è il patrimonio su cui fondarci per affrontare il futuro”.

Il libro sarà introdotto da Maura Tani, giornalista del TGR RAI Lombardia e commentato alla presenza dell’Autore, dell’Editore Antonio Bagnoli e di Patrizia Spadin. Durante la presentazione Silvano Piccardi, attore televisivo e regista teatrale di consolidata esperienza – ha esordito negli anni ’60 con la compagnia di Ernesto Calindri – presterà la sua voce per la lettura di brani del testo.

Con il contributo incondizionato di Novartis

Ufficio Stampa Pro Format Comunicazione
via Flavio Domiziano 10 - 00145 Roma
Tel. +39 06 54 17 093 - Fax +39 06 59 60 1866
ufficiostampa@proformatcomunicazione.it
www.proformatcomunicazione.it

La redazione di Farmacia.it non presta alcuna opera di lavoro redazionale sulla pubblicazione dei comunicati e declina ogni responsabilità per i contenuti in esso presenti; la redazione inoltre si riserva di cancellare comunicati stampa in contrasto con la propria linea editoriale