Disponibile nel corso del 2017 il Fortacin un nuovo farmaco da utilizzare localmente per combattere l'eiaculazione precoce e quindi aiutare un gra numero di uomini e quindi di coppie, solo negli Stati Uniti ne soffre circa il 30% degli uomini, mentre in Italia si stima che coloro che soffrono di questo disturba siano almeno il 20% della popolazione maschile compresa tra i i 20 ed i 40 anni.
L'azienda italiana che ha firmato un contratto di licenza con l'azienda britannica Plethora Solutions che lo produce con il nome di PSD502 per la sua commercializzazione in Europa, Russia (Comprese le ex repubbliche sovietiche), Turcchia ed alcuni stati del Nord Africa è la Recordati che spera di bissare il successo del Viagra e di altri prodotti simili.
Il farmaco sarà soggetto a prescrizione medica, quindi saà venduto solo in farmacia previa presentazione della stessa e non sarà pubblicizzabile, ma si revede che la richiesta del farmaco sarà comunque molto elevata dal momento che il numero di persone che soffrono di questo disturbo sè molto più alto di quanto stimato ufficialmente, trattandosi di un tipo di patologia per la quale raramente il paziente si presenta dal medico per risolverla.
Inoltre in Europa esiste solo un farmaco che vanti queste proprietà terapeutiche si tratta del Priligy che va preso per via orale ed agisce sul sitema nervoso centrale, questo, secondo gli esperti, sarebbe un altro punto a favore del Fortacin, trattandosi di un semplice spray da usarsi in caso di necessità, tra questi il dottor Fabrizio Scroppo, specialista in andrologia, in servizio nella struttura di Urologia dell'Ospedale di Circolo di Varese che ha dichiarato: "Questo anestetico può essere una novità visto che fino ad ora non c'è alcun prodotto che è specificamente indicato per questa patologia".
Inoltre continua il dottor Scroppo ipotizza una grande richiesta visto il disturbo e le persone che ne soffrono: " È una patologia che colpisce le fasce giovanili, l'incidenza è alta e si può diagnosticare per quei soggetti che hanno un'eiaculazione entro 2-3 minuti dalla penetrazione vaginale o anche prima. Sono diverse le cause oltre alle anomalie anatomiche, ci sono infiammazioni o infezioni possibile componente genetica o più semplicemente cause psicologiche legate ad ansia di prestazione", e pensando alla facilità di somministrazione -  conclude Scroppo -  "Fino a ora non esistevano farmaci specifici per l'eiaculazione precoce e se questo spray locale ha superato test clinici ed è stato approvato dalle autorità europee è un bel passo avanti. Dalle sue componenti ritengo che si tratti di un anestetico locale che riduce la sensibilità del glande e quindi può ritardare l'eiaculazione. Sul mercato, invece, attualmente esiste un medicinale che ritarda l'eiaculazione aumentando le concentrazioni di serotonina del sistema nervoso centrale"
Fabrizio Scroppo, andrologo all'ospedale di Varese e consigliere nazionale di Andrologia, accoglie la notizia della new entry con cautela ma con grande curiosità. «Fino a ora non esistevano farmaci specifici per l'eiaculazione precoce e se questo spray locale ha superato test clinici ed è stato approvato dalle autorità europee è un bel passo avanti. Dalle sue componenti ritengo che si tratti di un anestetico locale che riduce la sensibilità del glande e quindi può ritardare l'eiaculazione. Sul mercato, invece, attualmente esiste un medicinale che ritarda l'eiaculazione aumentando le concentrazioni di serotonina del sistema nervoso centrale».
Quindi ci sarebbero tutte le premesse per un grande successo paragonabile a quello del Viagra che ottenne nelle prime settimane di prescrizione oltre 3 milioni e mezzo di prescrizioni.
 
RECORDATI S.p.A.
Via M. Civitali, 1
20148 Milano
Tel. +39 02 48787.1
Fax +39 02 40073747