Sono le complicazioni che possono seguire ad una trasfusione di sangue. I sintomi più frequenti sono febbre,emolisi (rottura dei globuli rossi) più o meno grave,shock (particolare condizione fisica caratterizzata da abbassamento della pressione e della temperatura,perdita di coscienza,ecc.),nausea,vomito,che si manifestano in seguito a reazione immunitaria del ricevente contro gli antigeni (sostanze che,introdotte nell'organismo,provocano la reazione immunitaria,cioè la produzione di anticorpi specifici) del donatore di sangue. La forma più grave e comune nell'uomo è data dall'incompatibilità per il sistema ABO e Rhesus (gruppi sanguigni). Sono possibili anche reazioni trasfusionali di tipo non immune (cioè non dovute a incompatibilità) che comprendono soprattutto le infezioni da contaminazione dei materiali usati per la raccolta o da presenza di microrganismi nel sangue trasfuso. La gran parte di esse è dovuta al virus dell'epatite C.