Prelievo di tessuto eseguito nella sede apparente di una lesione del pene per confermare o definire la diagnosi. Durante la peniscopia (esame utile per visualizzare eventuali lesioni a livello dell'organo genitale maschile),il medico che la esegue,preleva un campione di tessuto e lo sottopone ad una particolare procedura (fissaggio). Il campione così trattato è inviato all'anatomo-patologo,medico specializzato che eseguirà l'esame istologico (analizzerà il tessuto al microscopio per vedere come risultano organizzate e disposte tra loro le cellule),per individuare l'eventuale presenza di particolari malattie.