E' una sigla che sta ad indicare l'emoglobina glicosilata. Si tratta di un esame del sangue,che valuta la quantità di emoglobina legata in modo irreversibile al glucosio (zucchero) del sangue. Valori normali: 4,3-6,1%,quando il dosaggio è eseguito con una particolare tecnica (HPLC). L'emoglobina è una proteina del sangue,incaricata del trasporto dell'ossigeno dai polmoni alle cellule periferiche. La percentuale di emoglobina glicosilata dipende dalla concentrazione di glucosio cui il globulo rosso è esposto. Il processo con cui essa si forma (glicosilazione pertanto,la quantità di emoglobina glicosilata nel sangue non cambia con le oscillazioni giornaliere della glicemia (glucosio presente nel sangue),ma è relativa ai valori della glicemia presenti nei giorni e nelle settimane precedenti. Si osserva un aumento dei valori in caso d'insufficienza renale cronica (perdita irreversibile ella funzionalità dei reni),assunzione di alcool o di particolari farmaci (antibiotici,acido acetilsalicilico),anemia ipocromica (tipo di anemia caratterizzata da un'enorme riduzione della quantità di emoglobina presente nei globuli rossi). I valori,invece,diminuiscono in caso di emolisi (distruzione della membrana dei globuli rossi,che causa perdita di emoglobina),gravidanza,trasfusioni di sangue recenti.