Anticorpo del virus dell'epatite C (HCV). Valori normali nel sangue: assente. L'epatite C è un'infezione del fegato,una forma di epatite virale molto frequente nei soggetti che in passato hanno ricevuto molte trasfusioni o sono stati sottoposti ad interventi chirurgici o odontoiatrici. La presenza di HCV associata ad un aumento delle transaminasi (analisi del sangue) indica che il paziente è affetto da epatite cronica di tipo C,ovvero da un danneggiamento del fegato che,a lungo andare può diventare irreversibile (cirrosi epatica). Gli anticorpi anti-HCV compaiono nel sangue 1-3 mesi (o più) dopo l'inizio della malattia. Generalmente,essi compaiono 6 mesi dopo una trasfusione con sangue infetto (in rari casi anche dopo un anno) e non sono anticorpi che vaccinano contro la malattia,dal momento che possono essere presenti contemporaneamente al virus. Nella maggior parte dei casi l'anticorpo è presente nel sangue per anni dopo l'infezione,ma esistono casi di epatite con rapida guarigione in cui esso scompare dopo circa 10 mesi. La determinazione dell'anti-HCV è effettuata sul sangue con particolari tecniche (immunoenzimatiche e radioimmunologiche). Poiché il mezzo più frequente di diffusione dell'HCV è costituito dalle trasfusioni di sangue,attualmente tutti i campioni di sangue vengono testati per verificare l'eventuale presenza del virus. Il virus è resistente alle alte temperature; quindi,non viene facilmente eliminato dalle procedure di sterilizzazione che sono normalmente effettuate presso odontoiatri,dermatologi e tutti quei medici che eseguono piccoli interventi chirurgici in ambulatorio. Chiunque venga a contatto con sangue infetto,aghi (da siringa,ma anche per tatuaggi o piercing),strumenti chirurgici è a rischio di epatite C. Non si sa se il virus possa essere trasmesso per via sessuale,poiché esistono pochissimi casi accertati. Il ruolo del preservativo come protezione sicura al 100% nei normali rapporti sessuali è tutto da verificare. I casi di contagio tra madre e figlio appena nato sono molto rari e si sa che sono legati alla presenza del virus,oltre che degli anticorpi. Molti medici non richiedono per le donne in gravidanza l'esecuzione del test HCVAb (anti-HCV),perché comunque non esiste un possibile rimedio. Altri lo richiedono,perché alcuni studi dimostrano che se il bambino non viene allattato al seno il rischio di contagio è inferiore. Non esiste attualmente un vaccino per l'epatite C. Si consiglia visita specialistica in epatologia.