Stratigrafia è sinonimo di tomografia,una tecnica di indagine radiografica (raggi X),che consente di ottenere immagini di tessuti ed organi,come se essi fossero tagliati a strati. Ciò è possibile perché,a differenza della radiografia "classica",la sorgente di radiazione ruota intorno al paziente (si tratta di un "tubo" in cui è introdotto il paziente) che è disteso su un lettino. In questo modo si possono scegliere diverse sezioni e angoli di vista,vale a dire si ottengono immagini migliori e più dettagliate. Il principio su cui si basa la stratigrafia,invece è lo stesso della radiografia "classica". Le strutture di un organismo assorbono i raggi X in modo diverso. Quelle più dense (ad esempio le ossa) assorbono la radiazione più facilmente di quelle meno dense (ad esempio la pelle,i polmoni,ecc.) e la parte di radiazione non assorbita (che,cioè,ha attraversato i tessuti) può essere "raccolta" su una lastra fotografica. Si ottiene,così,la radiografia,vale a dire un'immagine in "bianco e nero" in cui i tessuti più densi appaiono chiari e quelli meno densi appaiono scuri,con diverse sfumature di grigio. La T.A.C. (tomografia assiale computerizzata) è un particolare tipo di stratigrafia,che fornisce immagini tridimensionali,ricostruite da un computer.