PEV è l'abbreviazione di 'Potenziali Evocati Visivi'. Si tratta di un esame che consente di valutare la funzione visiva. Consiste nella registrazione dell'attività elettrica del cervello in seguito a stimoli esterni. Vengono applicati al paziente degli elettrodi sul cuoio capelluto e gli viene chiesto di fissare uno schermo di computer che alterna ritmicamente l'immagine di una scacchiera con scacchi alternanti e di varie dimensioni. Un computer registra la risposta del cervello. I risultati sono poi interpretati da un medico esperto (neurologo). L'esame non è doloroso,né pericoloso. Dura circa trenta minuti. Qualora il soggetto faccia uso di occhiali è necessario che li porti.