Infiammazione delle ghiandole della mammella. Esistono varie forme di mastite,tra le quali le più diffuse sono: 1) mastite suppurativa,dovuta a batteri (soprattutto stafilococchi),che provoca dolore,spesso associato ad arrossamento e febbre; è curata con antibiotici,ma bisogna effettuare un intervento chirurgico di drenaggio (eliminazione del liquido),se si è avuta formazione di un ascesso (accumulo di pus causato da un'infiammazione 2) mastite puerperale,che si presenta immediatamente dopo il parto; 3) mastite da ristagno,che si presenta durante l'allattamento per la presenza di un gallattocele (cisti della ghiandola mammaria) e provoca la formazione di una massa dolorosa; nel caso in cui si abbia fuoriuscita di materiale contenente pus dal capezzolo,bisogna sospendere l'allattamento; 4) mastite cronica,caratterizzata dalla presenza di noduli che provoca forte dolore e secrezione dal capezzolo; va controllata,per via ecografia ed eventualmente agoaspirato (aspirazione del lquido da sottoporre a successivo esame al microscopio),perché può degenerare in mastopatia fibrocistica (presenza di una o più cisti nella mammella). Si consiglia visita ginecologica.