Il laser è un particolare tipo di luce,molto intensa,che trova largo impiego in medicina. La medicina fa particolarmente uso di laser (radiazioni) prodotti in vario modo e dei quali si sfrutta l'effetto prodotto sui tessuti,per i quali la luce laser ha azione distruttiva,pur senza presentare gli effetti collaterali negativi esercitati dalle cosiddette radiazioni ionizzanti (radioterapia). La luce laser,infatti,può essere indirizzata esclusivamente al tessuto che deve essere curato e,pertanto,non va a distruggere le cellule circostanti. In oculistica il laser trova tantissime applicazioni. Vengono usati diversi tipi di laser,sfruttandone gli effetti che possono provocare sul bersaglio: evaporazione,incisione o riscaldamento. Con l'energia laser,l'oculista può tagliare,rimuovere o distruggere una piccolissima parte di tessuto dell'occhio con una precisione infinitesimale. Per le varie patologie dell'occhio esistono quindi diversi tipi di laser,ognuno specifico e selettivo per le diverse strutture oculari. In particolare,l'oculistica adopera il laser yag per la cura del glaucoma (malattia degli occhi che causa cecità) e della cataratta secondaria (una condizione particolarmente diffusa con la vecchiaia,consistente nell'opacità del cristallino,la lente naturale interna all'occhio). Si tratta di una particolare luce (infrarosso),capace di incidere i tessuti dell'occhio.