Le ASL garantiscono ai cittadini l'assistenza farmaceutica attraverso le farmacie ospedaliere e territoriali presenti presso i Distretti sanitari ed attraverso le farmacia aperte al pubblico convenzionate. La distribuzione dei farmaci,che è diversa a seconda del tipo di farmaco e della malattia cui esso è destinato. Il medico di medicina generale ed il pediatra di famiglia possono prescrivere con ricetta: 1) farmaci in classe A: gratuiti. La prescrizione di tali farmaci è consentita fino ad un numero massimo di due pezzi per ricetta; sono previste eccezioni per: a) antibiotici in confezione iniettabile monodose; b) medicinali somministrabili esclusivamente per fleboclisi; c) medicinali analgesici oppiacei utilizzati per la terapia del dolore (legge 12/2001 2) farmaci in classe C: a totale carico del cittadino. Fanno eccezione gli invalidi di guerra dalla I alla VIII categoria con pensione di guerra vitalizia (legge 203/2000) per i quali l'erogazione è gratuita su indicazione del medico di famiglia; 3) farmaci equivalenti (non coperti da brevetto): in caso di prescrizione di farmaco equivalente,il cittadino può scegliere anche la specialità medicinale con brevetto scaduto (farmaco "griffato") avente il medesimo principio attivo. Se il paziente sceglie il farmaco "griffato" dovrà pagare la differenza tra il prezzo stabilito dal ministero per il rimborso del farmaco equivalente e il prezzo della specialità medicinale scelta; 4) ossigeno gassoso: con prescrizione da parte del medico di famiglia; 5) ossigeno liquido: il paziente presenta prescrizione rilasciata da una struttura pubblica presso l'Unità operativa di Assistenza sanitaria di base di residenza. L'Assistenza sanitaria di base autorizza,per un periodo di tre mesi,il medico di famiglia a prescrivere tale prodotto; 6) assistenza integrativa (per esempio colostomie,ileostomie,urostomie,catetere e sonda ecc.): con prescrizione specialistica e successiva autorizzazione da parte dell'Assistenza riabilitativa e/o dell'Assistenza sanitaria di base; 7) presidi per diabetici (strisce reattive per la determinazione del glucosio nel sangue,strisce reattive per la determinazione del glucosio e/o corpi chetonici nelle urine,siringhe da insulina monouso,aghi per siringhe a impulso,lancette pungidito monouso,penne pungidito): il paziente,su indicazione del medico di medicina generale,viene seguito dai centri diabetologici territoriali e ospedalieri della Asl,o da un centro convenzionato,i quali provvedono a redigere il piano terapeutico che consente la prescrizione di tali presidi. La prescrizione può coprire il fabbisogno da 1 a 3 mesi; 8) Alimenti per celiachia: il paziente presenta presso l'Unità operativa di Assistenza sanitaria di base del Distretto sanitario di residenza opportuna certificazione rilasciata da un'Unità operativa di Gastroenterologia di Azienda ospedaliera o universitaria. A seguito di tale istanza l'Assistenza sanitaria di base potrà rilasciare un documento di credito per ritirare i relativi alimenti necessari,valido massimo un anno e spendibile presso le farmacie convenzionate. Il paziente deve firmare la ricetta per attestare l'avvenuta erogazione di ossigeno liquido e farmaci senza fustello (circolare regionale 858/99). L'orario di apertura delle farmacie private convenzionate è dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00. Durante il periodo estivo,dal 1° giugno al 30 settembre,le farmacie sono aperte dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.30. Nei giorni festivi e la domenica sono aperte dalle 9.00 alle 20.00. Durante i giorni feriali è rispettato un turno di apertura dalle 13.00 alle 16.00. L'elenco delle farmacie di turno (diurno e notturno) viene pubblicato sui principali quotidiani cittadini ed è esposto all'esterno delle farmacie chiuse.