CHE COS'E': Sostanza che esercita la sua azione sui tessuti duri del dente. Penetra,sotto forma di fluoropatite,nelle molecole di idrossiapatite,cioè nel cuore dello smalto e della dentina. In questo modo difende lo smalto dai composti acidi,molto corrosivi,dei batteri. Inoltre,il fluoro rinforza il dente facilitando la posa del fosfato di calcio sullo smalto. É presente nell'acqua e nei prodotti agricoli. Il fluoro,insomma,è un importante agente protettivo ed esplica questa azione sui denti a partire dagli stadi iniziali della loro formazione. CONSIGLI: Soprattutto i bambini e gli adolescenti devono consumare cibi ricchi di fluoro. L'assorbimento naturale di questa sostanza avviene durante il periodo infantile e nel corso della prima adolescenza. La fase di assimilazione fisiologica maggiore del fluoro è quella che precede la comparsa dei primi dentini. In questo caso penetra naturalmente nei tessuti ossei e irrobustisce lo smalto. L'assorbimento fisiologico del fluoro termina con la comparsa dei denti definitivi. Questo agente protettivo è comunemente presente nell'acqua e nei cibi. Tuttavia per consentire a qualsiasi età l'apporto ottimale di fluoro bisogna ricorrere a un metodo artificiale,la fluoroprofilassi,attraverso cui si combatte la demineralizzazione del dente,cioè il fenomeno che crea le condizione favorevoli allo sviluppo della carie e,di conseguenza,alla distruzione dello smalto,che non ha né vasi sanguigni né nervi,che non contiene elementi vitali e che,quindi,non ha metabolismo. Eppure lo smalto partecipa al processo chimico-fisico della demineralizzazione provocata dai batteri. Si comprende quindi la grande importanza dell'azione ricostruttrice e remineralizzatrice del fluoro. Un vero e proprio riparatore dello smalto,che allontana la carie dentale.