É una malattia infettiva molto contagiosa provocata da virus,che si manifesta con febbre e disturbi di varia natura,specie a carico degli apparati respiratorio e/o digerente. I virus influenzali sono numerosissimi ed ognuno di loro può avere vari ceppi. L'inizio della malattia si manifesta quasi sempre con sintomi come malessere generale,vertigini,mal di testa,brividi e febbre che sale rapidamente fino a 40 °C. Inoltre,si manifestano stanchezza profonda (che perdurerà anche dopo la guarigione),dolori alla colonna vertebrale ed ai muscoli,mancanza di appetito e qualche volta vomito. La vaccinazione può prevenire l'insorgenza della malattia. Come si prende la malattia? I malati contagiano i sani attraverso particelle di saliva emesse con tosse e starnuti. Pertanto,è importante evitare di frequentare luoghi affollati per impedire la propagazione del virus e proteggersi dal freddo. Se si contrae l'influenza è bene fare una lunga convalescenza,alimentarsi con cibi digeribili ed assumere vitamine e ricostituenti. La malattia,infatti,di per sé è innocua,ma diventa pericolosa quando facilita la comparsa di una polmonite (infezione del polmone),che non è causata dal virus dell'influenza ma da altri microrganismi (batteri) che approfittano della debolezza dell'organismo per aggredirlo,provocando a loro volta altri disturbi. Come si cura l'influenza? Gli antibiotici (farmaci che distruggono i batteri o ne impediscono la crescita) sono utili solo in caso di complicazioni a livello intestinale; altrimenti non devono essere usati,soprattutto perché non sono in grado di uccidere i virus. Per attenuare i sintomi si possono adoperare farmaci contro la febbre,sedativi per la tosse,prodotti per sciogliere ed eliminare il catarro (sostanza di consistenza liquida prodotta dalle vie respiratorie essi,però,non accelerano la guarigione,che avviene da sé nel tempo necessario all'organismo per eliminare i virus. Si consiglia visita del medico di famiglia.