É una delle conseguenze del diabete (malattia caratterizzata dall'incapacità dell'organismo di regolare il livello di zuccheri nel sangue). Sono colpiti i capillari della retina (la parte dell'occhio che trasforma gli stimoli luminosi in segnali elettrici che,inviati al cervello,permettono la visione). Il danneggiamento può portare ad un indebolimento progressivo della vista. Si distinguono due forme di retinopatia diabetica. 1) Forma non proliferante: i capillari presentano zone di indebolimento con sanguinamento. 2) Forma proliferante: i capillari sono occlusi. La retina è sofferente e tenta di reagire stimolando la produzione di nuovi capillari,che,però,sono anomali e non suppliscono alla funzione di ossigenare la retina. Si verificano sanguinamento ed emorragie vitreali,che portano alla formazione di cicatrici che,deprimendosi,possono provocare il distacco della retina. Esami utili: oftalmoscopia e fluorangiografia.