CHE COS'E': La perimetria è un esame oculistico che consente di valutare lo stato della funzione visiva globale del paziente. E' utile per lo studio della sensibilità luminosa della retina (la parte dell'occhio che trasforma gli stimoli luminosi in segnali elettrici che,inviati al cervello,permettono la visione) e del nervo ottico (il "mezzo" di trasmissione di tali segnali al cervello),importante,a sua volta per la diagnosi delle malattie degli occhi,anche quelle di origine neurologica. Si tratta di un esame semplice e non pericoloso,eseguibile anche sui bambini (da sei anni in su) e sulle donne in gravidanza. Il paziente,seduto e con il mento posizionato su un apposito supporto (lo stesso utilizzato in una normale visita oculistica),ha tra le mani un pulsante,che dovrà premere ogni qualvolta vedrà uno stimolo luminoso,di entità e grandezza variabile,sullo schermo dello strumento (perimetro). Dopo aver analizzato analogamente anche l'altro occhio,tutte le zone,viste e non,sono indicate in un tracciato che è subito esaminato dal medico. La durata totale di una perimetria e di circa 20 minuti. L'uso di apparecchiature computerizzate (perimetria computerizzata) consente di ottenere diagnosi molto accurate. In tal caso,infatti,è possibile rielaborare i dati raccolti,ripulendoli da elementi di disturbo (ad esempio errori visivi non corretti,cataratta) che impedirebbero una corretta interpretazione dell'esame. Questo esame consente di effettuare un'eventuale diagnosi di glaucoma (malattia degli occhi che causa cecità) o di alcune malattie del cervello (lesioni occupanti spazio a livello cerebrale che limitano il campo visivo).