É una malattia dell'orecchio che si manifesta con la sordità. Per diagnosticare l'otosclerosi si eseguono due esami,detti esame otoscopico ed esame audiometrico. L'esame otoscopico (che è l'esame dell'orecchio eseguito con uno strumento detto otoscopio,che consente di rilevare eventuali anomalie del timpano) non rivela nulla d'anormale a carico del timpano; l'esame audiometrico,invece,può evidenziare una sordità di trasmissione (sordità che riguarda suoni di tonalità bassa). Alla base dell'otosclerosi vi può essere un'alterata nutrizione dell'osso labirintico (che è l'osso entro cui sono racchiuse le strutture dell'orecchio interno) che comunica con l'orecchio medio (timpano) per mezzo di due strutture anatomiche dette finestra ovale e finestra rotonda. Anche un alterato livello di calcio e/o di fosforo e le malattie del collagene (cioè di quel tessuto,presente in tutte le parti dell'organismo,che ha una funzione passiva di sostegno e una attiva di partecipazione al metabolismo generale) possono essere causa di otosclerosi. L'otosclerosi colpisce particolarmente le donne giovani ed è generalmente aggravata dalla gravidanza e dall'allattamento. É utile visita dello specialista in otorinolaringoiatria.