Malattia degenerativa del sistema nervoso. Generalmente,colpisce individui di sesso femminile e di età compresa tra i 20 ed i 40 anni. Ne esistono diverse forme,presentanti diverse manifestazioni cliniche,tra cui la difficoltà di camminare,la paralisi (perdita dei movimenti) e la cecità. La sclerosi multipla è una malattia autoimmune,perché è causata da un'alterazione del sistema immunitario,che provoca un'alterazione del rivestimento delle fibre nervose (guaina mielinica). Poiché tale rivestimento contiene la mielina,una sostanza con funzione isolante che permette la rapida propagazione dell'impulso nervoso,la demielinizzazione (cioè l'alterazione della mielina) si concretizza nella mancata propagazione dei segnali di origine nervosa alle varie parti del corpo,ovvero disturbi neurologici di vario tipo,a seconda del tipo di fibre nervose interessate. Generalmente,nelle fasi iniziali la sclerosi multipla evidenzia sintomi sporadici e passeggeri,che durano qualche ora o tutt'al più qualche giorno e che possono presentarsi nuovamente anche dopo alcuni anni. Ciò nonostante,la malattia avanza,in genere molto lentamente,provocando difetti funzionali permanenti,che si manifestano con debolezza e scoordinamento dei movimenti. Per la diagnosi sono necessari numerosi esami,tra cui la RMN. Non esiste una terapia definitiva,ma esistono dei farmaci per rallentare la progressione delle lesioni neurologiche (cioè del sistema nervoso),in modo da migliorare la qualità della vita del paziente. E' possibile intervenire sui singoli disturbi (come gli spasmi muscolari o le anomalie di funzionamento della vescica),ridurre (con i cosiddetti farmaci immunosoppressori) l'azione autoimmunitaria (cioè diretta verso i suoi stessi organi) dell'organismo e limitare i danni alle fibre nervose con farmaci antinfiammatori a base di cortisone e ACTH (ormone adenocorticotropo). La fisioterapia è un utile strumento di sostegno del malato,per il quale è fondamentale il mantenimento di una vita attiva malgrado le limitazioni causate dal progredire della malattia. Controllo specialistico neurologico.