Lo studio dell'età ossea è un parametro fondamentale per la previsione dell'altezza definitiva,cioè una previsione dell'altezza che il bambino può raggiungere da adulto se continua a crescere senza problemi. I soggetti adulti,pur presentando molte differenze dal punto di vista morfologico,hanno tutti quanti lo stesso livello di maturazione dell'osso. I neonati presentano prevalentemente tessuto cartilagineo,che,successivamente ed in tempi diversi per le varie porzioni dello scheletro,si trasformano in ossa: Compaiono delle strutture dette nuclei di ossificazione,che si ingrandiscono progressivamente fino a sostituire completamente il tessuto cartilagineo,vale a dire fino a formare le ossa tipiche dello scheletro adulto. Lo stato di maturazione scheletrica è,dunque,un ottimo indice della crescita di un individuo e,pertanto,è largamente utilizzato in auxologia (settore della medicina che studia la crescita di bambini ed adolescenti). Se un bambino ha uno sviluppo regolare,la sua età ossea concorda con quella cronologica. Un'età ossea ritardata rispetto a quella cronologica,pertanto,potrebbe esprimere una crescita "difettosa". I motivi vanno approfonditi,perché potrebbero riguardare stati di malassorbimento (riduzione della capacità d'assorbimento di una o più sostanze nutritive,come carboidrati,grassi,vitamine,ecc.,da parte dell'intestino tenue),allergie,malattie endocrine (delle ghiandole) e/o metaboliche (malattie provocate da un'alterazione del metabolismo,che è l'insieme di tutti i processi che avvengono all'interno di un organismo). Analogamente,spesso un'età ossea anticipata rispetto a quella cronologica può stare ad indicare pubertà precoce,vale a dire una pubertà che si manifesta prima di 8 anni nella femmina e prima di 10 anni nel maschio (al momento della pubertà entrambi i sessi raggiungono pressoché il peso e la statura definitivi). La misurazione dell'età ossea è fatta mediante una radiografia della mano e del polso sinistro (per convenzione) e consente di conoscere il grado di maturazione dello scheletro di un bambino. Dall'osservazione di eventuali modificazioni dei segmenti ossei della mano e del polso,infatti,è possibile ricavare un'esatta valutazione dello stato di crescita.