CHE COS'E': Alterato rapporto dei denti,che impedisce la normale chiusura della bocca. Le principali anomalie dentarie sono classificate in tre classi (I,II,III) e non secondo un fattore di gravità,ma solo con riferimento alla posizione dei due mascellari in relazione tra loro,vale a dire alla posizione assunta dalla mandibola nei confronti del mascellare superiore. Per valutare esattamente un caso clinico,devono essere presi in considerazione diversi parametri: la radiografia panoramica,che evidenzia il numero,la forma,la posizione e la crescita di tutti i denti; la teleradiografia latero-laterale del cranio,sulla quale si effettua un tracciato detto "cefalometrico",cioè la misurazione di alcuni angoli e parametri che lo specialista misura utilizzando tale radiografia. Tale tracciato permette lo studio dell'accrescimento del cranio e della faccia; il rilievo delle impronte della bocca; il rilievo fotografico. Solo l'insieme di tutti questi esami può creare le premesse per una terapia ortodontica corretta ed efficiente (ortodonzia).