É un corto dotto di vasi sanguigni che unisce,durante la vita intrauterina,l'aorta all'arteria polmonare e che,normalmente è destinato a regredire. Se persiste dopo la nascita,rappresenta una malformazione congenita che può determinare l'insorgere di vari disturbi. Con la nascita,il dotto di Botallo va incontro ad un processo di obliterazione (chiusura). A volte il processo di obliterazione non avviene per cui il bambino può essere affetto da dispnea da sforzo (respiro frequente e faticoso dopo sforzi anche modesti e abituali),palpitazioni,precordialgia (dolori localizzati della zona in corrispondenza del cuore). Talora possono comparire sincopi e ritardo di sviluppo dell'organismo. Spesso compare un soffio al cuore e l'esame radiologico può mostrare una notevole dilatazione dell'arteria polmonare. La complicazione principale della persistenza del dotto di Botallo è l'endoarterite batterica,che è un infezione localizzata all'aorta,spesso accompagnata da febbre. Altra complicazione può essere l'insufficienza cardiaca,derivante dal superlavoro cui è sottoposto il cuore. Può inoltre comparire la cianosi. É utile visita specialistica cardiologica pediatrica.